yes, therapy helps!
Sindrome di Anna Karenina: amore incontrollato

Sindrome di Anna Karenina: amore incontrollato

Settembre 25, 2020

Conosciamo tutti qualcuno che di tanto in tanto si è innamorato di un modo ossessivo e senza controllo. In effetti, per molte persone, l'amore non è concepito se non è così. Quella fusione interpersonale portata al limite, questa sensazione di non poter vivere senza l'altro, di magnificarlo, di idealizzarlo, di solito non porta ad un buon risultato se non si interrompe in tempo.

In effetti, questo amore incontrollato e senza limiti estrania chi lo subisce, chi smette di sentire una persona completa e indipendente e arriva a credere che non c'è vita se non è con l'altro, come è successo ad Anna Karenina. In questo articolo parleremo di un concetto che potremmo chiamare sindrome di Anna Karenina .


  • Articolo correlato: "Le 7 differenze tra amore e dipendenza emotiva"

Qual è la sindrome di Anna Karenina?

Anna Karenina è un personaggio immaginario che recita nell'opera omonima letteraria, scritta da Lev Tolstoj nel 1877. Questo classico della letteratura universale riflette le tragiche circostanze in cui può condurre un amore troppo intenso e appassionato .

Il protagonista, che nel romanzo è sposato, si innamora perdutamente di un altro uomo, un soldato di nome Vronskij, e finisce per lasciare tutto per lui. E tutto è tutto, suo marito, la sua posizione sociale, suo figlio e infine la sua vita.

La sindrome di Anna Karenina è collegato a un modello affettivo ossessivo caratterizzato da una dipendenza assoluta della figura amata. Ciò influisce notevolmente sulle altre aree della vita della persona, che perdono importanza e vengono oscurate da ALTRO in lettere maiuscole, che finisce per coprire tutto.


Chi soffre di questa sindrome, come il protagonista, è capace di tutto pur di essere accanto a chi ama.

Abbiamo molti esempi nel cinema di questo tipo di mancanza di controllo senza passione , come nel caso della Sirenetta di Disney, che perde la sua condizione di sirena, abbandona la sua famiglia, il suo ambiente, dà persino la sua voce finché è accanto alla persona amata idealizzata.

  • Forse ti interessa: "I 4 tipi di amore: quali diversi tipi di amore ci sono?"

È quindi dannoso amare intensamente?

Contro ciò che Hollywood ci vende e i successi dei primi 40, amare l'ossessivo è senza dubbio il modo peggiore di amare. Anche se All'inizio, questa alluvione emotiva può sembrare attraente , può finire per diventare una delle peggiori malattie che l'essere umano possa sperimentare.

Questo modo di amare è legato all'angoscia: angoscia al pensiero che l'amato può smettere di amarci, angoscia per non averlo sempre al nostro fianco, angoscia per la paura di essere ingannati. Pertanto, "senza di te non sono nulla" e "Non posso vivere senza di te" sono esempi da non seguire al momento di assumere un ruolo nella relazione .


  • Articolo correlato: "10 abitudini quotidiane che migliorano il tuo equilibrio emotivo"

Quali sono le conseguenze di questo fenomeno affettivo?

Ci sono molte conseguenze dell'amare così intensamente, dalla perdita della direzione vitale, dal crollo dell'autostima, perdita della propria integrità ed equilibrio emotivo .... Fino ad un altro tipo di conseguenze più disastrose, come quelle che Anna ha nel libro.

Non amarmi così tanto, amami meglio

Si raccomanda, quindi, di non concentrarsi sulla quantità di amore che viene dato o ricevuto, ma sulla sua qualità. Ci sono un certo numero di aspetti in cui possiamo lavorare per evitare di cadere in questa sindrome:

  • Sii architetti della nostra stessa felicità . Non cercarlo fuori ma dentro. Unisciti agli altri come compagni di vita, non come stampelle, bende, infermieri o psicologi.
  • "Non mettere tutte le uova nello stesso cestino". Mantenere amicizie, hobby, relazioni familiari e una vita arricchente oltre il rapporto di coppia.
  • Libertà propria e straniera . Mantenere i limiti dell'individualità e della libertà di entrambi i membri.
  • Non amare ciecamente , ma in modo consapevole. Tieni gli occhi ben aperti sul comportamento dell'altro e agisci se ciò che osserviamo non ci piace.

La sindrome di Anna Karenina: vittime dell’amore (Settembre 2020).


Articoli Correlati