yes, therapy helps!
Un farmaco per eliminare brutti ricordi

Un farmaco per eliminare brutti ricordi

Dicembre 11, 2019

Nel 2013, un ambizioso progetto di ricerca promosso dall'Università di Basilea, con la collaborazione di diverse università, è apparentemente servito da trovare i composti chimici che regolano l'espressione dei ricordi . Inoltre, ha permesso di verificare in che modo determinate molecole somministrate attraverso farmaci influenzano l'organismo attraverso una riduzione di ricordi spiacevoli. L'articolo con le conclusioni è stato pubblicato sulla rivista PNAS.

Un farmaco per eliminare i brutti ricordi: è possibile?

Il farmaco fa parte del gruppo di antistaminici ed è stato scelto perché agisce su un tipo di neuroni recettori la cui creazione coinvolge un gene correlato al mantenimento delle memorie traumatiche. Gli effetti del farmaco, chiamato difenidramina, sono stati testati in uno studio in doppio cieco con un gruppo che una volta aveva assunto questa sostanza e un altro che ha assunto un placebo.


Come previsto, le persone che avevano usato l'antistaminico mostravano una tendenza a ricordare immagini meno spiacevoli a quelli che erano stati esposti solo 5 minuti fa. E tutto questo, 3 ore dopo aver preso una singola dose. Inoltre, il farmaco non ha prodotto effetti nel recupero dei ricordi associati a un tono emotivo neutro o positivo.

Conclusioni promettenti

Questa ricerca ha usato come base da cui formulare ipotesi meccanismi genetici che regolano l'espressione dei ricordi. Quindi, sulla base delle conoscenze che abbiamo sulle informazioni codificate nel DNA umano, i ricercatori sono stati in grado di determinare quali composti chimici presenti nel corpo dovrebbero agire su farmaci correlati al recupero dei ricordi.


Quindi, un processo di filtro è stato applicato scartando un gruppo di 20 geni che alla fine si sono ridotti a 9 dopo aver subito diverse revisioni in base a vari criteri, e quindi è stato verificato quale dei 9 geni è più correlato ai ricordi traumatici di 349 sopravvissuti al genocidio . Questo gene è quello che riceve l'etichetta HRH1 e interviene nella creazione di destinatari di Istamina H1, quindi un antistaminico è stato scelto per il trattamento farmacologico.

I ricercatori sostengono che sapere questo è un grande passo avanti, poiché serve a dimostrare come la conoscenza delle basi genetiche dell'essere umano possa essere utilizzata per selezionare i farmaci e prevederne gli effetti.

Un dibattito oltre la scienza

Al di là del dibattito scientifico, c'è sempre il dibattito sull'opportunità di ridurre la traccia lasciata da brutti ricordi in noi. Alcune persone, come quelle che soffrono di Disturbo Post Traumatico da Stress, possono trovare utile questo tipo di risorse, ma è sicuramente perverso far arrivare le droghe all'ultima parte della nostra vita che non possono essere direttamente associate alla felicità. I brutti ricordi, oltre ad essere difficili da isolare attraverso l'uso di una singola etichetta, possono essere parte delle lezioni che interiorizziamo attraverso l'attrito con il mondo reale e, quindi, è facile trovarli utili.


Pertanto, determinare in che misura l'uso di queste pillole sia pratico è un processo soggetto a un costante dibattito. Speriamo di essere in grado di prendere una decisione liberamente, a parte le grandi società farmaceutiche che hanno interessi in gioco.

Riferimenti bibliografici:

  • Papassotiropoulos, A. Gehrards, C., Heck, A. Ackermann, S., Aerni, A., Schicktanz, N. et al. (2013). Identificazione guidata dal genoma umano di farmaci modulatori della memoria. PNAS, 110 (46), pp. E4369-E4374.

Una medicina per cancellare i brutti ricordi|Salute e vita 247 (Dicembre 2019).


Articoli Correlati