yes, therapy helps!
8 grandi miti sulla psicologia moderna

8 grandi miti sulla psicologia moderna

Ottobre 14, 2019

La psicologia è una delle discipline su cui circolano più miti , in parte perché il suo oggetto di studio è interessante per il pubblico in generale e in parte perché grazie alla versatilità dei processi mentali può arrivare a "inventare" ogni sorta di teorie bizzarre su come funziona il nostro cervello.

Miti della psicologia attuale

In questo capitolo esamineremo alcuni dei miti più diffusi della psicologia e vedremo perché sono falsi.

1. I sogni hanno un significato nascosto

Una delle idee più diffuse sul funzionamento dei processi mentali è quella i sogni hanno un modo di essere interpretati che ritrae il nostro modo di pensare , le nostre paure e i nostri desideri.


Questo mito, che attinge direttamente dalle teorie psicoanalitiche nate con Sigmund Freud, si basa solo su credenze che non sono state dimostrate, quindi non c'è motivo di supporre che i sogni significino qualcosa in particolare al di là dell'interpretazione che tutti vogliono darli in base al loro potere creativo.

2. Gran parte dei problemi psicologici sono risolti esprimendoli

È molto comune pensarlo il compito degli psicoterapeuti è semplicemente quello di essere lì per ascoltare i problemi che il paziente gli dice e che il fatto di esprimere verbalmente questi problemi produce un senso di benessere che è il fondamento della soluzione offerta dalla psicologia.


Tuttavia, non dobbiamo dimenticare che gran parte delle cause per le quali la gente va dallo psicologo ha a che fare con fattori oggettivi e materiali concreti che non scompariranno semplicemente perché sono discussi. Situazioni di tensioni familiari, disordini alimentari, dipendenza dal gioco, fobie ... esistono tutte perché c'è una dinamica di interazione tra la persona e gli elementi del loro ambiente che si riproduce e rimane nel tempo, indipendentemente dal modo in cui in cui la persona lo vive o lo interpreta

3. Esiste un cervello razionale ed emotivo

anche c'è un mito che due cervelli sovrapposti abitano la nostra testa: un cervello razionale e un cervello emotivo . Questo ha una piccola parte della verità, poiché le aree del cervello più vicine al tronco cerebrale e il sistema limbico intervengono più direttamente nei processi mentali relativi agli stati emotivi se li confrontiamo con aree della superficie cerebrale come il lobo frontale, ma è pur sempre una semplificazione.


Quello che succede veramente è che tutte le parti del cervello stanno lavorando insieme in entrambi i processi legati all'emotività e quelli che sono legati al pensiero "razionale", al punto che è praticamente impossibile sapere se un modello di attivazione di I neuroni sono razionali o basati sulle emozioni.

4. Usiamo solo il 10% del cervello

Questo mito gode di grande popolarità, eppure è assurdo in molti modi . Prima di tutto, quando parliamo di questo potenziale nascosto del 10% del nostro cervello, siamo spesso confusi con affermazioni basate materialmente (il modo in cui il nostro corpo funziona effettivamente) con quelle che si riferiscono al nostro "potenziale nascosto" come qualcosa più astratto e basato sulla filosofia della vita che seguiamo.

In questo modo è facile "lanciare la pietra e nascondere la mano", cioè affermare le cose presumibilmente basate sulla conoscenza scientifica e, quando messe in discussione, semplicemente trasmetterle attraverso idee sulla vita che vale la pena vivere, il modo in cui quello che possiamo trovare noi stessi, ecc.

Per saperne di più sul perché tutto ciò che sappiamo su come funziona il cervello contraddice il mito del 10%, puoi leggere questo articolo.

5. I messaggi subliminali ti fanno comprare cose

L'idea che un team pubblicitario possa farci sentire l'impulso all'acquisto di un prodotto specifico introducendo alcune cornici "nascoste" in un video o alcune lettere in un'immagine non è stata provata, ma piuttosto che sono basati su un esperimento, quello di James Vicary e Coca-Cola , che non è mai esistito come tale, come ammesso dallo stesso Vicario.

6. L'interpretazione dei disegni di qualcuno serve a valutare la loro personalità

Analizzare i disegni di persone è utile solo quando si esplorano malattie molto specifiche, come ad esempio eminegligenza, in cui la metà sinistra di ciò che viene percepito viene ignorata (e, quindi, il lato sinistro dei disegni viene lasciato incompiuto). Vale a dire, i test proiettivi, come quelli in cui vengono analizzati i disegni di qualcuno, non servono a valutare dettagli sulla personalità delle persone e, al di là delle opinioni individuali sui terapeuti che li applicano, sotto la lente d'ingrandimento degli studi che analizzano una moltitudine di risultati non si è mai dimostrato efficace .

Le meta-analisi che sono state condotte su questi test indicano il loro scarso o inutile utilizzo, tra l'altro perché non esiste un unico modo in cui un disegno possa essere interpretato: per qualcosa è un prodotto della creatività e quindi fuggono a schemi preconcetti.

7. L'ipnosi ti permette di controllare la volontà di qualcuno

L'ipnosi sembra essere poco meno di un potere magico che rende qualcuno addestrato in queste tecniche in grado di gestire a volontà il corpo di altre persone, ma la realtà è lontana da questa visione così marketiniana e spettacolare.

La verità è questa L'ipnosi è fondamentalmente basata sulla suggestione e nella misura in cui la persona è disposta a partecipare alla tecnica. Qualcuno che non vuole essere ipnotizzato non sarà influenzato dall'ipnosi.

8. La personalità è assegnata durante la gioventù

È vero che i primi anni di sviluppo sono fondamentali e che le cose che ci accadono possono lasciare un segno difficile da cancellare in relazione al nostro modo di agire e percepire le cose, ma questo non dovrebbe essere esagerato.

Aspetti importanti della personalità possono continuare a variare una volta che l'adolescenza e la giovane età adulta sono lasciati indietro in un modo simile a quello che succede Walter White in Breaking Bad (anche se non sempre per male, ovviamente). Dopo tutto, il nostro cervello cambia continuamente a seconda di ciò che stiamo vivendo, anche durante la vecchiaia.


Karl Popper, Science, and Pseudoscience: Crash Course Philosophy #8 (Ottobre 2019).


Articoli Correlati