yes, therapy helps!
3 chiavi per gestire una depressione senza psicologi

3 chiavi per gestire una depressione senza psicologi

Agosto 20, 2019

Puoi chiamarlo vuoto, depressione o crisi esistenziale, ma il punto è che non ti senti bene. Potresti aver parlato con qualcuno, anche se le persone intorno a te non ti capiscono troppo e finiscono per bloccarti nella tua stanza.

Questa situazione è più comune di quanto si pensi, ma la tendenza naturale è pensare "queste cose mi succedono" , per rallegrarsi in un senso di isolamento che può finire nella temuta depressione. La buona notizia è che puoi imparare a gestire una depressione.

Lungi dall'essere qualcosa da evitare, la depressione è un'opportunità per una meravigliosa conoscenza di sé, ma prima di tutto studieremo le cause.

  • Articolo correlato: "Esistono diversi tipi di depressione?"

Dove nasce la depressione?

Quando una persona soffre di questo disturbo, prova apatia, tristezza e solitudine. Perde interesse per tutto e tende ad isolarsi dal mondo. Ma ... perché?


Ci sono tanti motivi per soffrire di depressione come persone nel mondo, anche se la conseguenza più comune è che i tuoi schemi sono infranti e, all'improvviso, senti che la vita che hai creato non ha senso.

Potrebbero esserci dei trigger che ti entrano in quel duello, come la morte di una persona cara o una pausa d'amore.

Anche se ci sono anche casi di anni con uno stile di vita molto sedentario (dieta povera e nessun esercizio fisico) fino a cadere nella fossa della depressione. C'è anche la sensazione di non adattarsi alla società.

Gestire la depressione

Indipendentemente dalla situazione, essere immersi in una situazione del genere richiede un po 'di obiettività, e anche se può essere dato da uno psicologo, puoi farlo da solo. Come? Con queste tre chiavi.


1. Osservati e scrivi

Pensaci, cosa fai durante il giorno? Se passi tutto il tuo tempo identificandoti con i tuoi pensieri, diventeranno una prigione governata dalla tua mente. Se pensi alla funzione di un coltello, puoi arrivare a due conclusioni: puoi fare il bene e il male. Cioè, può servire a tagliare il pane che nutre la tua famiglia, ma anche a uccidere un'altra persona.

Lo stesso accade con la mente, che è un'arma a doppio taglio: può servire a vivere pienamente in tutte le sfere della tua vita, ma può anche diventare uno strumento di enorme auto-sabotaggio al servizio del tuo ego.

A volte non abbiamo idea del perché sentiamo come ci sentiamo, quindi per osservare e abbassare il ritmo della mente si consiglia di tradurre i pensieri in un diario emotivo.

Sì, dico "emotivo" apposta perché Non sarà limitato a dire quello che hai fatto oggi, ma mostrerai anche come le situazioni ti fanno sentire e sperimenta che vivi.


Questo esercizio aumenterà la tua autostima, ma ti darà anche pace e serenità. Ad ogni modo, i benefici cognitivi ed emotivi della scrittura di un diario sono innumerevoli.

2. Muoviti e mangia sano

Una delle cose che facciamo quando diventiamo depressi sta pensando troppo agli aspetti negativi della nostra vita. Non so se lo sai, ma la mente produce circa 60-80.000 pensieri al giorno, molti dei quali sono negativi. Siamo esperti nel giudicare noi stessi e nel dare la colpa a noi stessi per tutto ciò che ci accade.

Come uscire da quella spirale? in movimento . In altre parole: uscire da casa e fare qualche esercizio come correre o camminare per 30 minuti o un'ora. Il movimento, sia ad alta che a bassa intensità, ci fa rilasciare endorfine, serotonina e dopamina, donando benessere e piacere al nostro corpo.

Se inizi anche a mangiare prodotti più sani e naturali (frutta, verdura, legumi, ecc.), Invece di cibi precotti e pasticcini industriali, il tuo corpo e la tua mente lo apprezzeranno. È una delle chiavi più antiche per gestire una depressione.

In altre parole, le abitudini alimentari e di esercizio svolgono un ruolo fondamentale nel contrastare gli effetti (e sintomi) della depressione. Un'altra opzione in tal senso, che sarà una boccata d'aria fresca, lo è iscriviti per attività che ti interessano ma che non hai mai contemplato .

3. Parla con amici (e sconosciuti)

Anche se per arrivare alla depressione di solito è normale non dire cosa provi al tuo ambiente più vicino, un buon amico può essere il miglior psicologo. Quando dico "buon amico" intendo qualcuno che sa ascoltare e che ti tira fuori dai tuoi pensieri non qualcuno che non ti ascolta e che ti dice immediatamente i loro problemi.

Dicendo a qualcuno le tue emozioni, stai dando spazio al tuo mondo interiore per manifestare, quindi diminuiscono gli effetti della depressione. In effetti, quella persona può darti il ​​loro punto di vista e renderti consapevole dei tuoi schemi di pensiero auto-sabotanti. In altre parole, ti fa specchio .

Infatti, la figura del coach è emersa negli anni '60 con Timothy Galway (anche se la sua origine risale alla maieutica di Socrates), per aumentare la forza mentale e massimizzare il potenziale delle persone attraverso l'ascolto attivo e la domanda orientata all'azione. Sì, le nuove tecnologie ci stanno facendo interagire sempre meno di persona, così puoi superare quella barriera mentale per osare di lasciare la tua zona di comfort conoscendo le persone.

Il tuo amigdala (o cervello emotivo) scoprirà che sei in pericolo, ma non lo sei, è solo una mancanza di abitudine.

Poiché so che questo esercizio non è facile, consideralo una sfida. Ad esempio, se vai alla caffetteria o al bar della porta accanto, osa interagire con qualcuno che ti è vicino. La cosa più semplice è comunicare qualcosa di positivo all'altra persona in modo educato (se la cosa scorre, puoi anche iniziare una conversazione).

Chiediti: qual è il peggio che potrebbe accadere? Se ti ignorano, sicuramente imparerai dall'esperienza a fare meglio la prossima volta .

conclusione

La depressione è più comune di quanto pensi e se lo vivi o no, osservandoti in prospettiva sarai in grado di catturare i tuoi pensieri ed emozioni in un diario per prevenirlo o mitigarne gli effetti.

Inoltre, se vai a fare una passeggiata, corri o fai qualche esercizio (anche fatto in casa, per quanto piccolo), il tuo corpo produrrà endorfine e altri ormoni responsabili del tuo benessere.

La prossima volta che vivi una situazione complicata, ricorda che hai già gli strumenti più importanti per superarli: la tua mente, il tuo respiro e il tuo corpo . Ciò non significa che il supporto professionale di uno psicologo non sia necessario. Nella maggior parte dei casi, è essenziale ricevere una guida professionale. Tuttavia, conoscere queste chiavi per gestire la depressione può semplificarci la vita, se decidiamo di andare da un terapeuta o se per qualche ragione non abbiamo questa possibilità.

Infine, ricorda che siamo esseri sociali, quindi condividere ciò che pensi e senti con ciò che ti circonda e interagire con estranei ti aiuterà a vedere la vita con occhi diversi.


Come uscire dalla depressione - Parte 1 (Agosto 2019).


Articoli Correlati